Tomás Saraceno //// un progetto enorme all’Hangar Bicocca

L’ Hangar Bicocca prosegue il suo percorso espositivo dedicato a opere di grandi dimensioni. Dal 25 ottobre al 3 febbraio è l’artista argentino Tomás Saraceno (1973) ad affrontare il grande spazio, affiancando, anzi, sovrastando, le torri di Kiefer e la recente temporanea installazione audiovisiva di Carsten Nicolai. Con uno staff di 20 persone Saraceno sperimenta un’utopia: una scultura contemporanea in bilico tra arte e scienza.

Tomás Saraceno crea una terza dimensione composta da 3 strati di una membrana trasparente, ad altezze diverse: ogni livello ha una sua entrata e l’equilibrio è dato dallo scambio tra aria fredda e calda. Il risultato: una superficie di 400 metri quadri a ben 24 metri d’altezza in sospensione nell’enorme spazio dell’Hangar. Lo scopo: un desiderio, quello di “far volare” le persone. Il pubblico, come in altre opere su grande scala dell’artista argentino, può camminare sulla superficie di plastica fluttuante, che si alza e abbassa al contatto e al movimento, con l’idea di essere tra cielo e terra. Questa è la sensazione che Saraceno vuol far provare con On space time foam:  un’opera in situ pensata per lo spazio milanese, città dove arte e produzione hanno sempre convissuto, dove la grandezza ha dato la spinta per un’idea utopica, esteticamente potente, e socialmente interessante, perché mette in relazione, su una realtà diversa, le persone e i loro atteggiamenti, valutando condizioni e regole a cui sottostare, abbattendone certi stereotipi. Una prova riuscita con l’aiuto di uno storico ingegnere aerospaziale, Per Lindstrand, che ha collaborato con Saraceno per la realizzazione scientifica di esperimento e un sogno di un artista definito “leonardesco” da Andrea Lissoni, curatore di questa esperienza. Saraceno si considera infatti un artista (con la base di architetto) che “vive e lavora sul pianeta terra e oltre” (dalla sua biografia ufficiale). Le opere di Saraceno sono immediate e riconoscibili per le grandi dimensioni che solitamente utilizza, il supporto del materiale plastico gonfiabile con cui interagire, la ricerca fisica e scientifica, e una poetica dello spazio da abitare, in questo caso supportata da Pirelli, nella realizzazione di un’opera di tale grandezza e ambizione. All’Hangar dunque è in mostra non solo un lavoro scultoreo di interazione e sperimentazione, ma un grosso gioco d’azzardo e di ricerca. Che non finirà qui.

Rossella Farinotti (pubblicato su Arte n. 470/ Cairo editore / Ottobre 2012)

 

 

Questa voce è stata pubblicata il 15 ottobre 2012 alle 5:45 pm. È archiviata in Uncategorized con tag . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

4 pensieri su “Tomás Saraceno //// un progetto enorme all’Hangar Bicocca

  1. BarbaraETrapassi in ha detto:

    Trasferiamoci allora per un pò “sul pianeta terra e oltre”! Brava Rossella, facciamo viaggiare così anche i bimbi!

  2. Fortunato Ceccarini in ha detto:

    Ciao. Domani intorno alle 14 sul blog Potatopiebadbusiness.com per cui scrivo esce un pezzo su Tomas Saraceno. Ho linkato e citato il tuo per via del titolo. Nulla di personale. Complimenti per il blog!

  3. Pingback: Tomás Saraceno e Hangar Bicocca. Stupire e non pensare? | POTATO PIE BAD BUSINESS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: