Paris II part @ Fiac //// l’Accademia di Belle Arti e il Palais de Tokyo

Ancora poche parole, ma qualche immagine di alcune opere di Fiac, la fiera d’arte contemporanea parigina (4 giorni con inaugurazione il 17 ottobre) dalla base centrale al Grand Palais, e diramazioni in giro per la città, dalle gallerie aperte del marais, ai giardini delle Tuileries, davanti al Louvre, con opere scultoree davvero notevoli, da William Kentridge, a Willelm de Kooning.

Al Grand Palais, fulcro di Fiac, erano esposti capolavori e lavori nuovi, contestualizzati dentro a un luogo notevole per estetica (di vetro e ferro) e storia. Gallerie internazionali, dalle francesi storiche come Yvon Lambert o l’immancabile Perrotin (che ha deciso di mettere un po’ di tutto, come in una sorta di luna park del contemporaneo), da Barbara Gladstone a White Cube e Gagosian, e molte italiane, dalla Galleria Continua, fino a Tornabuoni, che forse vince la fiera con un “semplice” tappeto di Alighiero Boetti (in copertina nel I articolo di Labrouge su Fiac di ieri) di metratura e bellezza imbarazzanti, un’opera da museo insomma. E poi tanti nomi da Ai Wei Wei, a Takashi Murakami, da Michelangelo Pistoletto a Francesco Vezzoli (l’opera che riprende il Boccioni con … i tacchi, insomma, lascio a voi pubblico la sentenza della chiaccherata opera), da Marlene Dumas,  Jean Michel Basquiat,  Jonathan Meese, George Condo, Lara Favaretto (bella l’installazione totale da Franco Noero), Hans Peter Feldman, Paul McCarthy, Dan Flavin, Carl Andre, Sophie Calle (molte opere dell’artista francese), Thomas Struth, Pablo Picasso, William Kentridge, Roberto Cuoghi (le ultime sculture da Massimo De Carlo), Calder, Daniel Firman (con i suoi manichini al muro da Perrotin), Tacita Dean, Gabriel Orozco, a Tony Craigg, Rebecca Horn, Loris Cecchini, Penck, Nam June Paik, Jenny Holzer, Elssowrth Kelly, Anri Sala, Ilya Kabakov, Paola Pivi, Jeff Koons, Orlan, Giovanni Anselmo, Chris Martin, Cy Twombly, Baselitz, Louise Bourgeois e cosi via …. (http://www.fiac.com/rechercher-artiste.html).

Dopo la fiera qualche immagine delle opere di cera sciolte (due figure umane sedute) di Urs Fischer, all’interno della Cappella dei Cappuccini nel cortile dell’Accademia di Belle Arti di Parigi, a Saint Germain …

E un mini tour veloce al Palais de Tokyo, uno degli spazi espositivi più affascinanti e di grandi dimensioni al mondo, con la mostra Imaginez l’imaginaire, part II. Opere concettuali e di critica sociale, sperimentazioni e ricostruzioni, installazioni sonore e cinema d’autore …

a suivre …

Questa voce è stata pubblicata il 21 ottobre 2012 alle 11:53 pm ed è archiviata in Uncategorized. Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

2 pensieri su “Paris II part @ Fiac //// l’Accademia di Belle Arti e il Palais de Tokyo

  1. shanti in ha detto:

    Rossella grazie per queste foto:)

  2. Bello il titolo ahimè molto appropriato ai nostri tempi:”le temps de rien” ;bella la tua introduzione Rossella e poi tutte quelle belle foto:è come avere visto la mostra anche se non ci sei stato.
    E poi fa da sfondo a tutto ciò la classica Grandeur francese degli spazi e dell’ambientazione, laGrandeur de Paris!
    MDA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: