Ricci/forte //// il fenomeno teatrale al Piccolo di Milano

Ricci e forte sono approdati al Piccolo Teatro di Milano. Il duo che dal 2006 realizza performance con il suo numeroso ensemble di bravi e giovani attori/perfomer, a Milano, città in teoria all’avanguardia, ma nella pratica sempre un po’ indietro rispetto a tutte le altre capitali europee (soprattutto se di teatro si parla), sono passati per l’Elfo Puccini, per arrivare a esprimersi al teatro Studio del Piccolo. All’Elfo Puccini di corso Buenos Aires hanno portato l’acclamata trilogia (Troia’s discount; Macadamia Nut Brittle e Pinter’s Anatomy) che ha fatto scalpore di critica e, soprattutto, di un certo target di pubblico, che è letteralmente impazzito per le loro azioni, gli scandali, le citazioni anche colte (soprattutto contemporanee) di un mondo “underground”, il nudismo, le parole, gli attacchi, le urla, le musiche, il sangue (finto) … i due drammaturghi, Stefano Ricci e Gianni Forte, dal 2006 mettono in scena ossessioni umane (e non), riferimenti a culture pop e soprattutto underground, dunque sottoculture che finalmente hanno preso un palcoscenico per esprimere dubbi, problemi, pregi e difetti, paure e ossessioni. Il tutto con il fil rouge del loro autore preferito, Chuck Palahniuk (reale scandalizzatore nei suoi romanzi), e con tutti i clichè di quel mondo gay (dalle barbie ai problemi materni … ) e underground che nell’ambito artistico ha già espresso molto, molto bene anni fa. Il corpo come tramite, un misto tra una body art non coraggiosa come negli anni ’70, e la maestra di tutti, Pina Bausch, dalla quale i due autori riprendono quasi tutto: ripetizione di gesti e istinti, parole su parole, non-sense nel gesto e nel linguaggio, il nudo, il maschile e il femminile. E poi le musiche, sempre presenti, con poche pause di interessanti spunti. Nell’ultimo spettacolo, Imitationofdeath (di qualità, a mio parere, superiore, forse per crescita ed evoluzione rispetto ai lavori passati) ho trovato toccante solo una parte: una ragazza, rigorosamente in mutande e reggiseno, prende il microfono e sprigiona dubbi e insicurezze che in tanti proviamo, e il gruppo, i suoi compagni, le rispondono, uno ad uno, coprendole il corpo di scritte e disegni, scarabocchi, con un pennsarello nero, sempre malinconia, sempre critica e sempre violenza … ma non quella che ti fa paura per farti riflettere, ma quella un po’ fine a se stessa.

Dalla trilogia, fatta di immagini patinate, finte orge e stupri, critica al consumiscmo, a tutto ciò che ci circonda  oggi (da facebook, alle merendine muffin che fanno male, al sesso per il sesso, quello che finisce con un pompino inutile e obbligatorio, alle urla estreme, al sangue finto, disturbante ma senza ..un fine ..). Ricci e Forte sono arrivati a un lavoro sicuramente più completo e adulto. Hanno tirato fuori tutto lo schifo che abbiamo intorno, e ora, però, cosa facciamo ?

Sono ancora molto amati i due bad boys del teatro, e les enfanst terribles, come li definisce la critica … che, tra le altre cose, ho letto che firmano i Cesaroni, anch’essi scioccanti. Ma per altri motivi.

Questa voce è stata pubblicata il 18 novembre 2012 alle 7:13 pm ed è archiviata in Uncategorized. Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: