le CERAMICHE di Massimo GIACON /// al Design cafè della TRIENNALE

Massimo Giacon alla Triennale di Milano le sue ceramiche

Belle le opere esposte in Triennale a Milano presso il DesignCafè fino al 31 marzo. Si tratta degli ironici e un po’ cruenti lavori scultorei di Massimo Giacon, l’artista illustratore e fumettista (oltre che musicista e performer), che espone dei colorati Toys in un percorso dal titolo The Pop will eat himself, dove un “him” sostituisce quel corretto “itself” che avrebbe avuto un senso, ma meno profondo. Dunque il pop mangia se stesso, come lavoro vivente che parla da se. Come le opere in mostra riescono a fare, in un breve e lineare, ma denso cammino, con accompagnamento sulle pareti di disegni e bozzetti, per riconoscere la mano da cui questi piccoli “giocattoli” provengono.

“Triennale Design Museum presenta una selezione di sculture in ceramica di Massimo Giacon, edite da Superego editions: una “famiglia” di colorati, mostruosi e grotteschi personaggi scaturiti dalla fantasia dell’eclettico e poliedrico fumettista, illustratore, designer, artista e musicista di origini padovane.

Il progetto nasce da una mostra realizzata alla fine del 2006. Inizialmente i personaggi non erano pensati per essere delle ceramiche, ma semplici immagini bidimensionali che, partendo da schizzi e progetti, diventavano tridimensionali virtualmente, mediante un programma di modellazione 3D.

Racconta Massimo Giacon: “The Pop Will Eat Himself è un errore. Nel senso che, per chi conosce abbastanza bene l’inglese, la frase corretta sarebbe: The Pop Will Eat Itself, e la traduzione suona così: Il Pop Mangerà Se Stesso. Come mai questo errore? Se consideriamo al pop come a un’entità astratta it è la giusta definizione, ma se noi pensiamo al Pop come a una specie di divinità pagana moderna, him diventa un suffisso più calzante. Il perché di questo pedante cappello introduttivo è presto detto: nelle titolo è nascosto spesso il senso dell’opera, e le mie ceramiche Superego raggruppate sotto questo titolo nascono da lontano. In realtà all’inizio non dovevano nemmeno essere delle ceramiche, lo sono diventate per caso. All’inizio dovevano essere delle opere figurative aventi come soggetto dei giocattoli malati. Per intenderci anche qui esiste una sottigliezza linguistica, perché uno può prendere l’aggettivo “malato” come un giudizio qualitativo, stilistico, mentre in realtà intendevo costruire un universo parallelo di giocattoli “ammalati”. Ammalati di cosa? E perché? I miei giocattoli sono ammalati di noi, come dei moderni martiri, subiscono la nostra corruzione e il nostro malessere, e ci guardano con aria dolente dai fogli delle mie stampe, dai miei disegni su carta, chiedendosi cosa mai è successo, e perché le cose sono andate così malamente. Sono personaggi pop, e allo stesso tempo sono anti-pop, e forse era destino che uscissero dai disegni bidimensionali per diventare degli oggetti tangibili, come se non riuscissero a rimanere confinati in un ambiente così angusto. Diventando oggetti perdono forse un po’ delle loro angosce, magari trovando dei collezionisti che li porteranno a casa e che li ameranno per quello che sono, nonostante quel che sono. Siete pronti a giocare con dei nuovi amichetti?”

Massimo Giacon disegno alla Triennale di Milano le sue ceramiche

Massimo Giacon alla Triennale di Milano Bugs le sue ceramiche

Massimo Giacon alla Triennale di Milano e le sue ceramiche

Massimo Giacon Super ego carrott alla Triennale di Milano le sue ceramiche

Massimo Giacon alla Triennale di Milano Pecora le sue ceramiche

Massimo Giacon studio sulla crocifissione alla Triennale di Milano le sue ceramiche

Massimo Giacon alla Triennale di Milano design cafè le sue ceramiche Crocifissione

Massimo Giacon alla Triennale di Milano Che culo le sue ceramiche

Massimo Giacon disegno alla Triennale di Milano l'artista con una sua opera

Questa voce è stata pubblicata il 3 marzo 2013 alle 7:29 pm ed è archiviata in Uncategorized. Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Un pensiero su “le CERAMICHE di Massimo GIACON /// al Design cafè della TRIENNALE

  1. kippollo in ha detto:

    Abbiamo visto la mostra in Triennale con la nostra bambina di 3 anni, e sono state davvero tante le attivitá che ci siamo goduti nel godibilissimo spazio nel parco. Labrouge, perchè non apprifondire e dedicare uno spazio alle attivitá, ail laboratori, agli stimoli che l’arte a Milano offre ai piú piccoli? Soni sicura che i genitori seguirebbero assiduamente….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: