Gabriele SALVATORES //// Il regista che cambia registro

gabriele salvatores il regista che cambia registro Come Dio comanda Filippo Timi Elio Germano da Niccolò Ammaniti rossella farinotti labrouge

Gabriele Salvatores è nella sale con Educazione siberiana, tratto dall’omonimo romanzo di Nicolai Lilin, di cui si è molto parlato. I romanzi si addicono a Salvatores, del resto  molti registri gli si addicono. In questo senso il regista d’ acquisizione milanese – è napoletano d’origine, ma è stata Milano a consacrarlo nel mondo dello spettacolo, partendo dal teatro quando, nel 1972, fondò con Elio De Capitani e Ferdinando Bruni, il Teatro dell’Elfo, per poi passare al cinema- è un autore anomalo. Non si fa riconoscere, può essere detto in altro modo: riesce a non farsi riconoscere. Tornando ai romanzi non si può non evocare Niccolò Ammanniti, scrittore ben accreditato che ha fornito a Salvatores storie intense come Io non ho paura e Come Dio comanda.

Educazione siberiana è stata un ricerca interessante, che combina il “vecchio col nuovo”. L’ambiente è suggestivo, con tratti inediti: un girone dell’inferno, neve, cielo nero, baracche orrende, e violenza, tanta violenza. Dopo quella siciliana, il cinema ha scovato, nel tempo, la mafia russa, ebrea, cinese, giapponese, albanese e così via. Funzionavano. Adesso c’è la mafia (non servono le virgolette) siberiana. Del resto alcuni richiami sono sensibili. Nonno Kuzya (Malcovich) con le sue massime e i suoi codici –rifiuta la droga- ha molto in comune con don Vito Corleone. E i due protagonisti Kolima e Gagarin ricordano certo i De Niro e Woods di C’era una volta in America. Dunque, ricerca e registro inedito per Salvatores.

“Educazione” e i due titoli citati, sono comunque esempi di film  legati da quello stile di racconto reale, crudo, con tocchi alti di narrazione “alla Salvatores”, ma molto diversi tra loro. Perché Salvatores, come pochi autori, sa cambiare registro. E l’ha fatto sempre, nel bene e nel male. I grandi registi, da Hitchcock a De Sica, da Lynch a Fellini, o ancora da Ford a Truffaut, Almodovar e Burton, hanno un’ imprescindibile firma, il loro riconoscibile timbro, portati avanti con un fil rouge che non si tradiva mai. Hitchcock lo riconosci subito insomma. Anche Kubrick è tangibile, seppure con stili e risultati diversi. Lo riconosciamo per l’attenzione minuziosa nei dettagli, per le musiche, per il racconto lento, ma da Arancia meccanica a Barry Lyndon le cifre cambiano, eccome. E’ così anche per un altro maestro come Visconti, elegante e perfetto sempre, ma neorealista tra i più neorealisti in opere come La terra trema e Bellissima, elegante, “storico” e raffinato come nel Gattopardo. Salvatores è dunque un narratore che si evolve. Spesso. E’ il regista goliardico, divertente, ironico e molto “italiano” di Marrakech Express (1989), Puerto Escondido (1992) o Mediterraneo (1991. Oscar come miglior film straniero nel 1992, tra l’altro), film in cui tanti si sono riconosciuti. Ma Salvatores è anche quello di Come Dio comanda (2008),  Quo Vadis Baby ? (2005), Denti (2000),  film duri, che raccontano di una realtà nella quale pochi vogliono riconoscersi, ma che esiste più dell’altra, ed è dolorosa. E ancora film come Sud (1993), o Io non ho paura (2003), una delle pellicole migliori che il cinema italiano abbia prodotto negli ultimi anni: storie di denuncia di un’ umanità pericolosa, e di una società in allarme, come quella dell’Italia del Sud. E poi pellicole che esulano da questo stile, come Nirvana (1997) quasi fantascientifico, e un film patinato come Happy Family (2010), racconto divertente e teatrale dai toni colorati. Salvatores assume dunque registri diversi, sempre in aderenza con il reale: ecco che tocca codici e linguaggi diversificati, ma sempre con passo accurato, mai banale o superficiale, dal racconto da bar, al romanzo crudo. Salvatores è spesso la cartina di tornasole di ciò che accade in quel determinato momento. (R.F. da Mymovies 12.3.2013)

gabriele salvatores il regista che cambia registro Educazione Siberiana rossella farinotti labrouge

Educazione siberiana

gabriele salvatores il regista che cambia registro il regista sul set con John Malkovich rossella farinotti labrouge

gabriele salvatores il regista che cambia registro John Malkovich in Educazione Siberiana rossella farinotti labrouge

gabriele salvatores il regista che cambia registro Come Dio comanda da Niccolò Ammaniti rossella farinotti labrouge

Come Dio comanda

gabriele salvatores il regista che cambia registro Denti rossella farinotti labrouge

Denti

gabriele salvatores il regista che cambia registro Nirvana rossella farinotti labrouge

Nirvana

gabriele salvatores il regista che cambia registro Nirvana abatantuono rossella farinotti labrouge

gabriele salvatores il regista che cambia registro Nirvana frame rossella farinotti labrouge

gabriele salvatores il regista che cambia registro  Sud rossella farinotti labrouge

Sud

gabriele salvatores il regista che cambia registro IO non ho paura rossella farinotti labrouge

Io non ho paura

gabriele salvatores il regista che cambia registro Io non ho paura tratto da NIccolò Ammaniti rossella farinotti labrouge

gabriele salvatores il regista che cambia registro Io non ho paura tratto da Ammaniti rossella farinotti labrouge

gabriele salvatores il regista che cambia registro Io non ho paura da Ammaniti rossella farinotti labrouge

gabriele salvatores il regista che cambia registro Marrakech Express locandina rossella farinotti labrouge

Marrakech Express

gabriele salvatores il regista che cambia registro Mediterraneo frame rossella farinotti labrouge

gabriele salvatores il regista che cambia registro Marrakech Express rossella farinotti labrouge

meniter 21

Mediterraneo

gabriele salvatores il regista che cambia registro Mediterraneo il gruppo rossella farinotti labrouge

gabriele salvatores il regista che cambia registro Mediterraneo Salvatores e Abatantuono  rossella farinotti labrouge

gabriele salvatores il regista che cambia registro Mediterraneo partita di calcio rossella farinotti labrouge

gabriele salvatores il regista che cambia registro Puerto Escondido  rossella farinotti labrouge

Puerto Escondido

gabriele salvatores il regista che cambia registro Puerto Escondido Abatantuono Golino Bisio rossella farinotti labrouge

gabriele salvatores il regista che cambia registro Quo vadis baby  rossella farinotti labrouge

Quo vadis baby ?

gabriele salvatores il regista che cambia registro happy family frame rossella farinotti labrouge

Happy family

gabriele salvatores il regista che cambia registro happy family  rossella farinotti labrouge

gabriele salvatores il regista che cambia registro happy family tutto il cast rossella farinotti labrouge

Questa voce è stata pubblicata il 13 marzo 2013 alle 7:50 pm ed è archiviata in Uncategorized. Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: