God save the GREEN /// un film per salvare il PIANETA

god save the green un film indipendente per salvare il pianeta bag of soil Nairobi labrouge

Basta poco per cambiare il mondo. Serve un’idea, un esempio da seguire e molta passione per portarlo avanti. Un esempio come quello di God Save the Green, il film documentario di Michele Mellara e Alessandro Rossi, che collaborano insieme da 15 anni, è un messaggio chiaro di riscoperta di valori, per motivi diversi. I due autori, che hanno presentato il film presso il Cinema Mexico di Milano, prodotto da Mammut Film e dalla cineteca di Bologna, raccontano , attraverso una selezione di storie, di come il verde sia motivo di spinta per la sopravvivenza in alcuni luoghi, stimolo per cambiare le cose in altri, o ancora un vero e proprio stile di vita. L’elemento del verde, l’organico, le piante, i fiori, le coltivazioni idroponiche, gli orti privati o collettivi, oggi come mai prima rappresentano sfoghi e bisogni diversi in ogni parte del mondo. Da Berlino, dove il verde è un modo per migliorarsi la vita, portandolo per le strada o utilizzando piante e fiori addirittura come cibo primario; o Nairobi, dove con un saccone di plastica e pochi innesti di piante (come la Talea) si può creare un intero, per sfamare un villaggio; o ancora a Teresina, in Brasile, dove gruppi di donne procurano cibo a centinaia di bambini attraverso una coltivazione idroponica sviluppata grazie a semplici bottiglie di plastica bucate; e poi Casablanca, dove resiste l’ultimo giardino in un quartiere popolare; o ancora a  Torino, dove un uomo in pensione ha creato sopra il suo terrazzo in centro nella città un giardino pensile da far invidia a  qualche piccola oasi dell’Amazzonia, e ancora Bologna, o New York.

Un breve giro per il mondo realizzato con cura e passione in cui una colonna sonora accattivanteporta a rilevare realtà umane, contesti urbani, mondi ricchi in cerca di un ritorno a quella natura che livella le cose, che non permette le grandi differenze che l’uomo vive oggi . Una catena di volti, parole, case, villaggi, esperienze, gesti, sforzi, racconti, con un trait d’union, un legame comune di sottofondo: l’amore e la ricerca del verde. Verde come fonte di sopravvivenza, verde come ricchezza, verde come recupero di valori perduti, o semplicemente verde come bellezza estetica. Perché anche a questo serve: all’occhio che quotidianamente è ormai abituato al grigiore di una scatola chiusa come può risultare una città. E ci sono personaggi che, prima nel piccolo e poi man mano  in comunità sempre più grandi ed elaborate, ogni giorno costruiscono qualcosa di nuovo con poche foglie e  poca terra … che un documento come questo possa essere utile a smuovere qualche piccola parte di noi, e comprendere che, effettivamente, Dio deve salvare il verde ?

god save the green un film indipendente per salvare il pianeta a bag of soil Nairobi labrouge

god save the green un film indipendente per salvare il pianeta bags in Nairobi labrouge

god save the green un film indipendente per salvare il pianeta Berlin guerrilla urbana labrouge

god save the green un film indipendente per salvare il pianeta community garden berlin labrouge

god save the green un film indipendente per salvare il pianeta community garden berlino labrouge

god save the green un film indipendente per salvare il pianeta community garden tempelof airport berlino labrouge

god save the green un film indipendente per salvare il pianeta guerrill garden Berlino labrouge

god save the green un film indipendente per salvare il pianeta guerrill gardens Berlino labrouge

god save the green un film indipendente per salvare il pianeta guerrilla labrouge

god save the green un film indipendente per salvare il pianeta hanging gardens Bologna  labrouge

god save the green un film indipendente per salvare il pianeta labrouge

 

god save the green un film indipendente per salvare il pianeta last garden marocco  labrouge

god save the green un film indipendente per salvare il pianeta Morris Nairobi labrouge

god save the green un film indipendente per salvare il pianeta Nairobi labrouge

god save the green un film indipendente per salvare il pianeta the last garden marocco  labrouge

god save the green un film indipendente per salvare il pianeta turkish garden labrouge

god save the green un film indipendente per salvare il pianeta turkish garden berlin  labrouge

 

 

Questa voce è stata pubblicata il 20 maggio 2013 alle 10:54 pm ed è archiviata in Uncategorized. Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: