HITCHCOCK A MILANO //// dal GRANDE SCHERMO al MUSEO

alfred-hitchcock dal grande schermo al museo ritratto labrouge

“Creatore di forme”. Cosi l’hanno definito Claude Chabrol e Eric Rohmer,  autori di culture diverse e dunque, a maggior ragione, credibili. Alfred Hitchcock ha infatti inventato forme estetiche, e forme mentali. Il maestro del noir, del giallo e di un certo modello di horror, ha creato e inventato tanto forse tutto. Tanto da essere legittimato anche in un contesto che … legittima, appunto: un museo. In questi giorni è infatti in mostra una documentazione dedicata all’autore inglese a Palazzo Reale a Milano. Diverse fotografie, tante frasi di citazioni, testimonianze di attori e persone che hanno vissuto e lavorato intorno a lui, da Grace Kelly a Kim Novak, da James Stewart a Anthony Perkins, fino alla fondamentale figura della moglie Alma – a cui è stata dedicato un ruolo importante ricoperto da Helen Mirren nel recente (mediocre) film Hitchcock, diretto da Sacha Gervasi – fino a un inserto acuto dedicato a Bernard Hermann, il compositore di un gran numero di film dell’autore inglese, colui che ha creato quei tunes che ancora oggi fanno venire i brividi . Un solo elemento raro è riscontrabile nel percorso della mostra: un piccolo disegno preso dallo storyboard de Gli uccelli. Per il resto è tutto riscontrabile nei film.  Comunque il Museo ripeto, gli è congeniale. Non è difficile immaginare Hitchcock ripercorso in un contesto di tale importanza, proprio perché è un genio “creatore di forme”. Forme sono le ombre di mistero di capolavori come Gli Uccelli (1963), Il sipario strappato (1966), Psycho (1960), Vertigo – La donna che visse due volte (1958), Il delitto perfetto (1954), La finestra sul cortile (1954) o Nodo alla gola (1948); forme sono le caratteristiche psichiche dei protagonisti, che Hitchcock trasforma in ossessioni, in spirali dentro cui il protagonista deve risolversi da solo: la psiche umana viene analizzata anche a livello visivo, anticipando o riprendendo codici da grandi contesti. Esempi come la matrice di Dalì in Io ti salverò (1945) per rappresentare gli incubi e i ricordi che affiorano di Cary Grant; il terrore, dello stesso Grant, nel vedersi inseguito dell’aereo in Intrigo internazionale (1959), i richiami palesi di Freud in Marnie (1964). E forme “alla moda” sono i modi di essere e rappresentare un certo mondo in prodotti come Caccia al ladro (1955), L’uomo che sapeva troppo (1956), Topaz (1969). Forma come metafora di una certa dimensione umana, o “metafora della dimensione spettacoliare” (con la “i”), come la definisce il critico Gianni Canova apparendo in ampli schermi in mostra, dove si presenta, ombra di profilo, con l’immancabile Marcia funebre per una marionetta di Charles Gounod. Alla Hitchcock, appunto. Non so spiegare cosa significhino termini come “dimensione spettacoliare”, o “merce commestibile” . Certo Alfred Hitchcock è un collettore assoluto. Ha toccato tutto, semplicemente. Temi moderni e ricorrenti, un forte surrealismo nelle forme e nei contenuti, dalla malattia al mistero, dall’erotismo profondo alla paura dell’essere, dal voyerismo al sangue, dalla critica della società borghese all’analisi del mondo più generale. Paura, mistero, ironia, destino, feticismo, sensualità, magia … per un autore per cui “il Mistero è mistificatorio, ha a che fare con la ragione. La suspense ha a che vedere con le emozioni”. Per riviverlo consiglio un semplice gesto: ri-guardare i suoi film anche comodamente a casa.

alfred-hitchcock dal grande schermo al museo ritratto con uccelli labrouge

 Alfred Hitchcock

Alfred-Hitchcock-by-Salvadore-Dali-s- dal cinema all arte labrouge

Alfred-Hitchcock-Kim Novak la Donna che visse due volte vertigo labrouge

alfred-hitchcock-tippi-hedren-dal grande schermo al museo labrouge

hitchcock dal grande schermo al museo Alfred Hitchcock sul set labrouge

hitchcock dal grande schermo al museo la finestra sul cortile frame labrouge

hitchcock dal grande schermo al museo l'uomo che sapeva troppo labrouge

hitchcock dal grande schermo al museo Io ti salverò labrouge

hitchcock dal grande schermo al museo Psycho labrouge

hitchcock dal grande schermo al museo Psycho mother labrouge

hitchcock dal grande schermo al museo Nodo alla gola labrouge

nodo_alla_gola_cocktail_per_un_cadavere_john_dall_alfred_hitchcock labrouge

 

The-Birds-Gli uccelli Hitchcock dal grande schermo al museo labrouge

 

 

Questa voce è stata pubblicata il 30 giugno 2013 alle 9:53 pm. È archiviata in Uncategorized con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: