il FARINOTTI 2014 /// di Pino e Rossella. l’ USCITA nelle LIBRERIE e la sua PRESENTAZIONE

il farinotti 2014 copertina, toni servillo la grande bellezza labrouge

E’ ormai un mese che il Farinotti  2014 è nelle librerie. Giunto alla 18esima edizione, il Dizionario del cinema più storico d’Italia sta avendo ancora più successo del solito, ed è per questo che Labrouge gli dedica un post con il video della presentazione a Palazzo Isimbardi a Milano dello scorso 22 novembre con personaggi che, nel loro ambito, hanno fatto un po’ la storia della cultura italiana degli ultimi anni. Intervengono infatti l’On. Guido Podestà, presidente della Provincia di Milano, Alfonso Signorini come moderatore, Vittorio Avanzini di Newton Comtpon, Francesco Alberoni, Andrea G. Pinketts, Pino Farinotti … e la figlia.

 Dal Farinotti 2014 | TALENTO ITALIANO.  “Signor Gassman per favore, due parole per la Rai. Qual è il suo pensiero sulla crisi del cinema ?” Domanda un cronista. Gassman risponde: “ La crisi del cinema è crisi di idee. Non ci sono più idee, non ci sono più scrittori”. Questa risposta è del 1961, recitata da Vittorio Gassman in una comparsata in Una vita difficile di Dino Risi. Il regista milanese raccontava l’umanità con malinconica ironia, perché quello era il reale di allora. E oggi, dopo più di cinquant’anni, siamo ancora lì. Con una differenza, che allora la crisi nel cinema non c’era. Chi ha scritto questa battuta è Rodolfo Sonego, maestro di scrittura del cinema, che si è auto-compiaciuto, con ironia appunto, di quel concetto, sapendo che non era vero. Adesso “non ci sono più scrittori” ha una ragione di essere.

In quelle stagioni i grandi scrittori, i bravi sceneggiatori c’erano e lavoravano con i cineasti assimilandone storie e valori, per poi narrarli con le giuste proporzioni. C’erano Flaiano, Guerra, Sonego, Age e Scarpelli, Maccari, Cecchi D’amico, Zavattini, Amidei, e altri. C’era già Cerami.

Oggi non accade più. Abbiamo dei grandi talenti in Italia, attoriali: faccio un solo nome, del magnifico capofila Toni Servillo, ma la schiera è lunga e preparata. E abbiamo degli ottimi cineasti. Che sono dei tecnici perfetti. Sono dei pubblicitari che vendono immagini esemplari, patinate, colorate, rigorose e senza un difetto: dallo stile glitterato e magico di un Garrone, a quello esteticamente senza una sbavatura di Sorrentino, dalla terra siciliana incantata secondo Crialese, alla tragicommedia del reale di Virzì – che a differenza di molti utilizza buoni scrittori e sceneggiatori, e si vede – fino alla pulizia e naturalezza di Diritti, forse il “vertice” del nostro cinema in questo momento: in Un giorno devi andare racconta una storia perfetta, esportabile, ma che si riserva astratte considerazioni sul trascendente che non aggiungono, ma tolgono qualcosa. Anche Soldini col Comandante e la cicogna espone una fantasia surreale alla francese, ma non ha resistito alla tentazione dei grandi pronunciamenti – quelli di Garibaldi, Leonardo, Verdi e Leopardi – un po’ convenzionali, e superflui. E poi Salvatores, che ha spesso attinto dalla letteratura – vedi Ammanniti – ma che con Educazione Siberiana non ha saputo replicare la qualità dei contenuti del romanzo di Nicolai Lilin. La migliore offerta di Tornatore è un mosaico quasi perfetto, per stile e tensione. Ma non riesce a risolvere adeguatamente il finale. Dunque in ultima analisi è quasi sempre questione di scrittura. E di  idee. Il tanto dibattuto La grande bellezza, di cui scrive anche Pino Farinotti nella sua prefazione di quest’anno, è un film ricco di spunti, di realtà diverse, di parole, di colore … ma che alla fine non arriva mai al punto. Forse perché un punto non c’è. Quando i nostri talentuosi autori scioglieranno quell’ultimo nodo, affidandosi a chi lo sa sciogliere, allora ci allineeremo al cinema completo e di grande qualità.

Rilevo infine un evento. Un film italiano ha vinto il Leone d’oro di Venezia, non accadeva da quindici anni. Il vincitore è Sacro Gra, di Gianfranco Rosi. Bernardo Bertolucci presidente della giuria, insieme agli altri membri, ha deciso che era passato davvero troppo tempo. Ma per trovare un titolo “adeguato” si è dovuto ricorrere a un documentario, a un non-film. Non era ancora successo.

educazione siberiana, gabriele salvatores, il farinotti 2014 labrouge

il comandante e la cicogna, silvio soldini, il farinotti 2014 labrouge

Il-comandante-e-la-cicogna-Alba-Rohrwacher, silvio soldini, il farinotti 2014 labrouge

la migliore offerta, giuseppe tornatore, il farinotti 2014 labrouge

la ragazza del lago, toni servillo, il farinotti 2014 labrouge

reality, matteo garrone, il farinotti 2014 labrouge

reality, matteo garrone, il farinotti 2014 prefazione labrouge

respiro, emanuele crialese, con valeria golino, il farinotti 2014 labrouge

sacro gra, gianfranco rosi, il farinotti 2014 labrouge

sacro gra, rosi, il farinotti 2014 labrouge

toni servillo a teatro, le smanie per la vilelggiatura, il farinotti 2014 labrouge

un giorno devi andare, giorgio diritti, con jasmine trinca, il farinotti 2014 labrouge un giorno devi andare, giorgio diritti, il farinotti 2014 labrouge

una vita difficile, dino risi, prefazione il farinotti 2014 labrouge

Questa voce è stata pubblicata il 17 dicembre 2013 alle 7:30 pm. È archiviata in Uncategorized con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: