SILVIA MEI //// e i suoi lavori in MOSTRA da CANNAVIELLO a MILANO

Quando ti penso (foglie nere),, tecnica mista su carta intelata, 143x173cm, 2014

Oggi inaugura la prima personale di Silvia Mei da Enzo Cannaviello a Milano (20 febbraio/29 marzo). | Una natura scura che tenta il sopravvento attraverso fronde mutate da verdi a nere, per poi ricambiare di nuovo in colore, attraverso fiori vivaci, foglie rosse e ancora verdi, come elemento salvifico per quell’essere umano che nelle opere di Silvia Mei prevale su tutto. L’umano e il suo doppio che domina rispetto al gruppo familiare a cui l’artista sarda spesso faceva riferimento in passato. Quell’ “individuo molteplice”, di cui parla Frida Khalo, l’artista messicana a cui aderiscono molti elementi della poetica della Mei. Una poetica inconfondibilmente femminile unita a uno stile brutale, che ha dei codici chiari, che riprendo da un mio testo dedicato alla pittrice sarda di poco tempo fa: “impatto grezzo, quasi primitivo, un richiamo forte a quell’Art brut di un Dubuffet, che già ricordava gli antichi segni delle caverne, o ai disegni infantili del nordico Gruppo Cobra,  ma sopra cui la Mei elabora infiniti dettagli minuziosi e femminili, magari leziosi, da osservare pian piano sopra i grandi fogli bianchi su cui dipinge”.

L’evoluzione: ora le sue donne sono solitarie, ma spesso in coppia, unite da un elemento fondante della sua poetica: i capelli. Capelli come unione, capelli come applicazione sui grandi fogli di carta elaborati dall’artista, capelli come proseguimento di sé. E poi gli abiti colorati, non definiti nella forma e nella fantasia, ma più evanescenti ed elaborati. Quegli stessi abiti che coprono un corpo che la Mei ha devastato con i suoi difetti arcigni, estremi, che tengono l’opera in bilico tra quel piacevole sguardo di rimando dall’impatto del colore e della materia, ma dove sopravviene l’altra sensazione: quella dell’angoscia, della paura di queste figure umane allungate e spigolose, dai volti rettangolari e primitivi, e dal naso più spesso e materico, di un colore diverso come a sottolineare che non appartiene a quel contesto. Un’evoluzione dunque più forte: il volto diventa maschera – un rimando alla cultura dell’isola d’origine di Silvia Mei, la Sardegna – ed è attorniato da elementi floreali, spille, orecchini, corolle, macchie di colore. Il corpo è invaso da peli e elementi che, come radici, scorrono su gambe, braccia e petto, come a cercare un rifugio tra i seni nudi, e forse il grembo materno, luogo di pace. E poi quegli elementi che incombono: i corvi neri, gli scarafaggi, le minuscole faccine che, come tanti pensieri che si moltiplicano, rimangono sempre li, a scrutare. Un vocabolario complesso e faticoso che rende l’impatto non semplice, ma unico.

Rossella Farinotti

Silvia Mei, Il distacco, cm 165x150, mixed media on paper, 2013

Silvia Mei, Il giorno dei liquidi, cm150x203, mixed media on paper on canvas, 2013

Silvia Mei, Io con l'altra me, 80x97cm, mixed media on paper, 2013

Silvia Mei, Lunghezza interna,cm241x142,mixed media on paper on canvas, 2013.

 

Silvia Mei, Scarafaggi, cm139,5x149,5, mixed media on paper on canvas, 2014. Slvia Mei, Bracciateste e veste rossa,cm242x150 acrylic and mixed media on paper on canvas, 2014

Questa voce è stata pubblicata il 20 febbraio 2014 alle 1:30 pm ed è archiviata in Uncategorized. Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: