ESTOY VIVA //// Regina José GALINDO al Pac di Milano

005_PIEDRA, 2013

“Dirompente e brutale” sono solamente due tra gli aggettivi che Diego Sileo, curatore della mostra insieme a Eugenio Viola – il giovane e preparato duo che insieme aveva già realizzato la mostra di Marina Abramovic sempre al Pac – utilizza in conferenza stampa per descrivere il lavoro della Galindo (Guatemala City, 1974). Brutale e dirompente perchè il contesto in cui la giovane artista sudamericana è nata e cresciuta lo richiede. Il Guatemala è stato un cruento e surreale palcoscenico di una guerra civile durata 60 anni, dove sono state uccise, torturate, violentate, umiliate circa 1770 esseri umani, di cui molte donne. Il lavoro della Galindo risulta  forte e violento d”impatto per rappresentare, seppur in minima parte, il dolore e le angherie subite da tutto un popolo. La Galindo diviene dunque portavoce di un periodo lungo, di una storia intera di una civiltà e di un popolo, quello Maya, prezioso per le sue tradizioni e pacifico, ma obbligato alla guerra e una lotta violenta per la sopravvivenza.

Il Pac di Milano mette in scena una documentazione completa di un percorso lungo nonostante la Galindo sia, come definito da Viola, “di middle career”, ovvero a metà della sua carriera artistica. Un percorso che, sempre secondo le parole del curatore, partendo dal micro, dal dettaglio, compone macromondi di violenza e paura, portando il pubblico ad una “visione per immersione” nel tema. La mostra è divisa in 5 macro sezioni tematiche: Politica, Donna, Violenza, Organico e Morte.

La mostra è accompagnata da due saggi firmati dai curatori – Regina José Galindo. Necropotere, di Diego Sileo e L’estetica sacrificale di Regina José Galindo. Un percorso attraverso le “azioni italiane” di Eugenio Viola, dove viene sottolineata l’importanza dell’Italia come sfondo di diverse azioni e mostre dell’artista, dalla Biennale di Venezia già con Harald Szeeman e, successivamente nel 2005 quando vinse il Leone d’oro per la nota performance in cui percorre la città di Venezia con i piedi nudi pucciati nel sangue, fino alla sua collaborazione con la gallerista Ida Pisani -; e uno scritto firmato da Emanuela Borzachiello, che da anni lotta contro la condizione della donna in Sud America, dal titolo Femminicidio: la potenza della parola, dell’immagine e della pratica.

Un percorso da assorbire lentamente, ma che lascia dei segni forti, soprattutto per chi prova, anche solo per pochi secondi, ad immedesimarsi nella disperazione della lotta della Galindo. Questa sera alle 19.00 ci sarà una performance inedita, realizzata per Milano. Dunque un ringraziamento al Pac che a Milano riesce a portare artisti complessi – in questo caso che rappresentano quel discorso dell’arte attraverso il corpo come mezzo di comunicazione e interazione con il pubblico, iniziato nel 2009 con Vanessa Beecroft, che ha successivamente visto personaggi come Franko B, Marina Abramovic e oggi la minuta, ma energica e preziosa Galindo -.

001_QUIN PUEDE BORRAR LAS HUELLAS, 2003

003_NEGOCIACION EN TURNO, 2013

SONY DSC

008_CAPARAZON, 2010

009_HILO DE TIEMPO, 2012

010b_ALUD,2011

014_LA VERDAD, 2013

016_CORTEJO, 2013

020_DESCENSION 2013

Questa voce è stata pubblicata il 24 marzo 2014 alle 3:37 pm. È archiviata in Uncategorized con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Un pensiero su “ESTOY VIVA //// Regina José GALINDO al Pac di Milano

  1. enya in ha detto:

    Ho seguito tutto il lavoro, perché di lavoro si tratta, di Regina, Credo che l’arte sia metafora poetica e creativa, se è denuncia non è sufficiente …se no continuerei a parlare di mio padre e della seconda guerra mondiale che ha fatto vittime senza distinzione alcuna, e soprattutto senza opposizioni possibili,
    Regina non si vuole definire martire, ma ho visto sua figlia al Pac e credo che l’incoerenza sia per me qualcosa che non può non essere valutata,soprattutto per l’epoca che stiamo vivendo.
    Non vedo più nella sua opera il coraggio di un cambiamento.
    E l’arte non può assumere su un corpo solo la denuncia senza cambiamento,questa è presunzione,e io come spettatrice denuncio la mia libertà di non poter far parte di una rivoluzione, o di un atto collettivo, perché costretta a stare in fila davanti a una porta chiusa , al Pac,attendendo di vedere una morte possibile, come se fosse cronaca, con accanto qualcuno che parla di quanta neve ci fosse a Cortina e di come si sciava bene.
    Chi , come artista sceglie questa via deve tener conto non solo di chi scrive o dello spettacolo che farà , ma anche di chi come me, va ad incontrare un momento di verità…e quella era davvero una farsa.
    L’obitorio, il sonno , l’anestesia?
    questa è l’epoca in cui bisogna stare svegli! e non da soli!!!!!
    Grazie,
    Enya Daniela Idda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: