Le MERAVIGLIE del CINEMA Italiano //// il 2014 in RISALITA

riscatto del cinema italiano, le Meraviglie Alice Rorwacher, una risalita nel  2014 mymovies onda fuori onda Pino Farinotti labrouge

Il film Le meraviglie diretto da Alice Rohrwacher ha  vinto il Grand prix della giuria allo scorso festival di Cannes. Il trofeo viene considerato il secondo in ordine di importanza, dopo la Palma d’oro. Il riconoscimento è un bel segnale, che riallaccia il filo d’oro dell’Oscar, attribuito alla Grande bellezza di Sorrentino. Ed è recente anche il Leone d’oro attribuito a Gianfranco Rosi col suo Sacro Gra, lo scorso settembre al festival di Venezia. Non vincevamo il “Leone” dal 1998 (Così ridevano di Amelio) e l’Oscar dal ’99 (La vita è bella di Benigni) e continuiamo a non vincere la Palma dal 2001 (La stanza del figlio di Moretti).

Ma ciò che più conta, al di là dei riconoscimenti, è la qualità dei film. Una qualità che c’è, ed è alta. Da qualche tempo sta succedendo qualcosa. Molti conoscono la mia posizione rispetto al cinema italiano contemporaneo, certo critica. Che si traduce in una didascalia che ho più volte espresso: eravamo i più bravi del mondo – certo molto tempo fa – e non riuscivano neppure ad imitarci. Adesso … non lo siamo più. Il concetto vale per il movimento generale, poi noi … siamo italiani, siamo, è riconosciuto, il popolo più”artistico” del mondo. Non siamo capaci di non creare qualcosa di qualità, anche impegnandoci.

Sorrentino e Rohrwacher hanno sorpassato i codici normali del nostro cinema attuale, fatto di piccole storie domestiche, spesso appesantite da un sociale figlio di certi talk e approfondimenti televisivi, con attori che sono caratteri, senz’altro bravi, ma senza l’appeal del protagonista, dell’eroe, che è figura dominante di tutte le storie, della carta e dello schermo. La Grande bellezza, lo ribadisco, ha offerto un’esplosione di creatività e di immagini, grazie a un superdotato in quel senso, Sorrentino, appunto. Ha valorizzato certi modelli italiani sicuri e potenti come la Dolce vita romana e Fellini, ha lasciato che la “bellezza” prevalesse sulla scrittura, ma l’opera è riuscita, l’Oscar è più che legittimo. Con ambizioni, e investimenti minori, Alice Rohrwacher, al suo secondo film – Corpo celeste il primo – ha, a parer mio, per molti versi, sorpassato il “premio Oscar” di Sorrentino.

Questa affermazione non intende porre una competizione o una classifica i merito. La novità, benvenuta, è la qualità della scrittura, della sceneggiatura e del dialogo. È tutta farina del sacco di Alice che si dimostra dunque non solo artista di immagine. La scrittura dei registi, nel cinema italiano è una pepita rara. Lo ribadisco ancora una volta: sono pochi gli autori dotati in quel senso, ne cito tre, Moretti e Virzì e Diritti (fra gli altri, non molti appunto). Al cartello si aggiunge Alice. “Le meraviglie“, per cominciare non è una storia (solo) italiana. E poi la fantasia. L’attenzione di Alice Rohrwacher è diretta a modelli importanti, memorie solo sfiorate certo: un Fellini imprescindibile, o Pasolini, o qualcosa di Olmi. Ma non è riduttivo un richiamo a maestri del genere.
Pino Farinotti (Mymovies.it, 1 giugno 2014)

riscatto del cinema italiano, la grande bellezza da Sorrentino a Rorwacher  una risalita 2014 mymovies onda fuori onda Pino Farinotti labrouge

riscatto del cinema italiano, La grande bellezza, da Sorrentino alla Rorwacher  una risalita 2014 mymovies onda fuori onda Pino Farinotti labrouge

La Grande Bellezza, Paolo Sorrentino

riscatto del cinema italiano, le Meraviglie Alice Rorwacher, da Sorrentino alla Rorwacher  una risalita 2014 mymovies onda fuori onda Pino Farinotti labrouge

riscatto del cinema italiano, le Meraviglie Alice Rorwacher, mymovies onda fuori onda Pino Farinotti labrouge

riscatto del cinema italiano, le Meraviglie Alice Rorwacher, una risalita 2014 mymovies onda fuori onda Pino Farinotti labrouge

Le Meraviglie, Alice Rohrwacher

riscatto del cinema italiano, Sacro GRA Gianfranco Rosi, da Sorrentino a Rorwacher  una risalita 2014 mymovies onda fuori onda Pino Farinotti labrouge

riscatto del cinema italiano, Sacro GRA Gianfranco Rosi, da Sorrentino alla Rorwacher  una risalita 2014 mymovies onda fuori onda Pino Farinotti labrouge

Sacro G.R.A., Gianfranco Rosi

Questa voce è stata pubblicata il 9 luglio 2014 alle 4:57 am. È archiviata in Uncategorized con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: