Delle ROTTURE si può fare volentieri a meno //// Giuseppe BUFFOLI da WORKBENCH

Giuseppe Buffoli, the workbench, delle rotture si può fare volentieri a meno, boxes, a cura di samuele menin labrouge

Si può fare a meno delle “rotture di scatole”, ma non delle scatole. Almeno così ci fa pensare la mostra di Giuseppe Buffoli sviluppata da The Workbench a Milano, curata da Samuele Menin. Scatole come doni “portatici da Babbo Natale”. Doni da scartare per visualizzarne il contenuto – in questo caso una selezione di opere “storiche” di Buffoli (Hand Job, 2013; i vetri di Zenit, 2011 …) con riportati i progetti sulle pareti – ma anche doni solamente da ammirare nella loro apparentemente semplice forma di scatola. Scatola e opera hanno sia funzione che pura estetica:  “non solo atte a contenerle e proteggerle, ma a divenirne completamento, una seconda pelle con una propria identità di opera” – scrive Menin.

Buffoli gioca e stupisce lo spettatore: la sua ricerca dell’equilibrio, la sfida contro la forza di gravità, i cambiamenti di stato naturale, vengono racchiusi in scatole misteriose, come quelle di Roentgen (1700) ma assolutamente contemporanee per lo scopo e l’uso di legno Ikea. Il contenuto viene avvolto dal contenitore, che risulta altrettanto interessante.

Giuseppe Buffoli, the workbench, delle rotture si può fare volentieri a meno, a cura di samuele menin labrouge

Giuseppe Buffoli, the workbench, delle rotture si può fare volentieri a meno, box, a cura di samuele menin labrouge

Giuseppe Buffoli, the workbench, delle rotture si può fare volentieri a meno, project, a cura di samuele menin labrouge

Giuseppe Buffoli, the workbench, delle rotture si può fare volentieri a meno, scatola, a cura di samuele menin labrouge

Giuseppe Buffoli, the workbench.  Delle rotture si può fare volentieri a meno, a cura di samuele menin labrouge

Questa voce è stata pubblicata il 29 settembre 2014 alle 8:15 pm. È archiviata in Uncategorized con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: