UBIQUITOUS TRIBE //// INTERVISTA ai PARASITE 2.0 per PROGETTO CITTA’ IDEALE Fabbrica del VAPORE

parasite 4

Progetto Città Ideale, l’associazione che si occupa di contemporaneo e di dialogo tra gli artisti nel tessuto urbano di Milano, ha incominciato un percorso lungo tre mesi – da luglio a settembre 2015 – in Fabbrica del Vapore. Dopo il primo progetto, Base, alla Stecca 2.0, la giovane associazione svilupperà “una mostra-laboratorio aperta quotidianamente al pubblico”. Ad inaugurare sono stati i giovani architetti Parasite 2.0.

Avete appena inaugurato Ubiquitous Tribe all’interno di un “tempio” per l’arte contemporanea, la Fabbrica del Vapore. Come è stato l’impatto per voi, che venite dal mondo dall’architettura?

Solitamente il nostro lavoro vive e si sviluppa a contatto con lo spazio pubblico, per interagire con gli abitanti della città, Quando invece ci confrontiamo con spazi chiusi ben definiti, dobbiamo fare uno sforzo maggiore. E Fabbrica Del Vapore ne è un esempio: è stato interessante capire, giorno dopo giorno, come interagire con lo spazio semplice, ma allo stesso tempo preciso e ordinato, della Sala delle Colonne. Negli ultimi due anni abbiamo lavorato in spazi chiusi – la residenza di ViaFarini, l’Arsenale di Venezia per l’ultima biennale di Architettura col progetto The Third Island con Antonio Ottomanelli ed Ira-C, o alla Fondazione Luis Seoane a La Coruña – e questo sta apportando maggiore esperienza e nuove potenzialità alla nostra ricerca.

Avete lavorato con Progetto Città Ideale, che è presente in luoghi sempre diversi della città, rileggendo anche la storia in cui si trova. Quali affinità c’erano tra di voi?

Siamo rimasti affascinati dalla loro volontà di sviluppare progetti artistici con un forte legame a luoghi concreti della città. Il loro stesso nome ci ha richiamato molte esperienze utopiche della storia dell’architettura che ci affascinano molto. Abbiamo avuto subito un’ottima affinità.

Per il progetto Expo in città la vostra opera principale consisteva in una sorta di piramide di mattoni che poi, via via che altri artisti saranno ospitati, verrà smontata. Cosa significa?

Ubiquitous Tribe ragiona sulla smaterializzazione dello spazio di lavoro: mescoliamo elementi naturali e primitivi con nuove tecnologie spazzatura e con materiali poveri presi in prestito dal mondo dell’edilizia. Partendo dai totem realizzati, tra cui in particolare la piramide fatta di mattoni, gli artisti potranno assemblare autonomamente il loro spazio di lavoro. (da Mi-Tomorrow, 13 luglio 2015).

parasite 1

parasite 2

parasite 3

parasite 5

parasite 6

 

parasite 8

Questa voce è stata pubblicata il 15 luglio 2015 alle 6:19 pm. È archiviata in Uncategorized con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: