La VALLE CAMONICA. OZMO /// seconda TAPPA

valle camonica that's valley that's contemporary cultura ozmo murale breno labrouge exibartLa Valle Camonica quest’estate non riposa mai. E continua il suo percorso dedicato all’arte contemporanea domani mercoledì 5 agosto a Breno alle 20.00 con l’inaugurazione ufficiale e lo svelamento dell’enorme opera di Ozmo (Gionata Gesi, Pontedera, 1975), tra i più noti e talentuosi esponenti della street art italiana. L’evento, monitorato da That’s Valley – il progetto nato con la collaborazione tra il Distretto Culturale di Valle Camonica e That’s Contemporary – , rappresenta il culmine di un lavoro complesso – 500 mq di muro dipinto su una roccia che svetta sopra il paese – iniziato durante la seconda settimana di luglio 2015. Il week end del 18 luglio ho incontrato Ozmo proprio ai piedi della sua opera work in progress, nella piazza del Mercato: era alle prese con il gigantesco disegno che già svelava forme e un tema tutto dedicato alla Valle. Le sembianze della dea Minerva si stavano già sviluppando attraverso minuziosi dettagli, certamente non semplici da realizzare a quell’altezza. Un’imponente figura divina, elegante e austera, come spesso nei lavori firmati dall’artista, realizzata in bianco, con una lancia e un gufo nelle mani, a rappresentare simbolo di potenza e protezione sulla Valle e sui suoi cittadini. Un lavoro artistico composto anche da relazioni: il contesto è importante e la scelta di questa divinità deriva da uno studio che Ozmo, con la curatrice del progetto Simona Nava, ha realizzato sul territorio camune. Durante degli scavi in Valle negli anni ’80 fu trovato un tempio dedicato alla dea. Esistono tre copie di Minerva sulla base dell’originale eseguita da un discepolo di Fidia. Ozmo ne ha ripreso l’iconografia classica, riattualizzandola nel suo stile immediato e riconoscibile, e sviluppando così non solo un tributo alla città di Breno, ma uno scambio relazionale con la sua storia e i suoi abitanti. Dunque presente e passato interagiscono grazie al progetto di un artista a disposizione della storia antica delle comunità urbane che in Valle hanno vissuto secoli fa, accumulando tracce su tracce.

Il progetto fa parte di Wall in Art, promosso dal Distretto Culturale di Valle Camonica con la collaborazione di diversi enti e istituzioni della Valle dei Segni, e Ozmo non solo ha realizzato il “suo” muro/tributo per la Valle, ma ha vestito anche i panni di curatore/tutor di un gruppo di otto giovani artisti che ha selezionato in tutta Italia, per creare opere murali su superfici messe a disposizione dai comuni di Borno, Cerveno, Lozio e Malegno. Un progetto d’arte pubblica ambizioso che prende piede quasi un anno fa, tra incontri con istituzioni e cittadini, che sono andati a buon fine testimoniando una grande vivacità all’interno della Valle, che da ora ha anche una grande, importante traccia di Ozmo. (pubblicato su Exibart, martedì 4 agosto 2015)

valle camonica that's valley that's contemporary culturale ozmo murale breno labrouge exibart

valle camonica that's valley that's contemporary distretto culturale ozmo murale breno labrouge exibart

valle camonica that's valley that's contemporary ozmo murale breno labrouge exibart

valle camonica that's valley that's contemporary ozmo murale labrouge exibart

Questa voce è stata pubblicata il 5 agosto 2015 alle 2:44 pm. È archiviata in Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: