StudioVisits

Shanti Ranchetti, che da tempo si muove tra la scenografia e l’illustrazione artistica, il prossimo sabato 14 aprile espone nella sua città, Treviso (presso lo spazio XYZ), una mostra personale tutta dedicata a delle sante, partendo da lei.

Work in progress /// Shanti al lavoro

 Settimana scorsa sono stata a trovare Shanti nel suo studio per spiare i lavori dal vivo, dopo mesi (è da dicembre che lavoriamo sulla mostra) di chiacchere, telefonate, dubbi, slanci, fotografie, mercatini, spinte, pianti, ahimè dolori (la mia santa illustratrice, ormai la chiamo così, ha lottato con la fisioterapista per un braccio dolorante). Mesi di preparazione e infine di grande applicazione da parte dell’artista per creare le sue delicate donnine dai grandi occhi, in un ironico lavoro dedicato alle femmine. Delicate solo nella figura, perché in realtà aggressive, a volte ammiccanti, languide, altre buone, bisognose, o cattive: Sante&Profane che portano avanti il complesso discorso di Shanti, che inventa creature ponendosi sempre come esempio, o limite da valicare. Con un costante fil rouge: il binomio tra bene e male e il dubbio latente se mostrarsi all’esterno in maniera provocante e provocatoria, o fare un passo indietro, senza offrirsi veramente. L’artista  recupera o crea cornici, materiali diversi, legni, fogli, centrini e decori per ornare questo mondo femminile, col tratto grafico dell’illustratrice, e il forte bagaglio assorbito di culture pop, surrealiste e un po’ underground, integrate con la “santa” forza e emotività dell’artista. Le donnine per Shanti sono rappresentazione completa di una realtà apparentemente colorata e frivola, ma nel reale piuttosto impegnativa. Un Wonderland di Alice con maligni influssi in stile dark e grottesco, tra una “sposa cadavere” di Tim Burton e una bambina firmata Mark Ryden. Ecco che sfilano, queste “femmine benedette”, false sante, o “quasi sante”, ognuna col suo difetto, col suo fardello da portare. “Santa Shanti” e “sante donne”, a volte anche profane, descritte dall’illustratrice con crudeli e critici dettagli: la donna botox e la puttana, la parrucchiera e la domestica, l’infermiera e la single … Rappresentate e vive su supporti differenti come differenti sono le personalità: tele, basi di legno invecchiato, perché Shanti ha spesso un occhio rivolto alle icone del passato, e disegni a china su carte diverse. Si comincia con l’artista, Santa Shanti martire di buon cuore, che si rappresenta in toto, con pregi e difetti, paure e bisogni. Una donnina dai penetranti occhioni, trafitta da frecce come San Sebastiano, ma armoniosamente circondata dal suo mondo e dalle sue problematiche: il disegno di un metro, per rappresentare il suo corpo, una brocca da cui attingere amore, tre bocche in cerca di baci, infantili scarpette, parole e il sacro cuore, elemento decisivo nelle opere di Shanti. L’artista mette in mostra attraverso queste opere d’arte un richiamo illustrato e ironico su un’idea della donna ancora un po’ stantia.

 La mostra inaugura sabato 14 Aprile. Intanto svelo qualche foto del mondo meraviglioso, colorato, ma non semplice, in cui si muove Shanti. I suoi feticci, i disegni, gli oggetti, gli attrezzi di lavoro. Un primo studio visit che mette buon umore e una grande voglia di lavorare bene.

Un pensiero su “StudioVisits

  1. Dani Azzola- viale delle Rimembranze do Lambrate 7- 20134 Milano in ha detto:

    ma che bello il tuo Labrouge tutto! E’ affascinante poter scorrere una panoramica così vasta e vissuta con profonda emozione che trasmetti direttamente al lettore.
    Stamattina me li sono riguardati tutti i tuoi interventi e mi sono goduta, malgrado la neve esterna, un meraviglioso viaggio nel mondo dell’arte e del cinema e della cultura: grazie!
    MD

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: